URBAN FACTORY ROMA

WHO WE ARE

UP è uno spazio espositivo dinamico in cui l’arte si fa strumento della collettività. L’obiettivo è  di promuovere artisti legati al mondo dell’arte urbana e contemporanea.

Allo stesso tempo siamo attivi nella diffusione del sapere artistico, perché ciò favorisca un ampliamento della base di pubblico che ne fruisce. UP è quindi una sorta di ponte che avvicina anche i non “addetti ai lavori” alle suggestioni delle diverse espressioni artistiche.

 

FLUO EVENTS

Fluo events è cultura, ma anche qualcosa in più. La nostra prima vocazione è quella di promuovere iniziative ed eventi legati al mondo dell’arte contemporanea. Allo stesso tempo siamo attivi nella diffusione del sapere artistico, perché ciò favorisca un ampliamento della base di pubblico che ne fruisce. Fluo è quindi una sorta di ponte che avvicina anche i non “addetti ai lavori” alle suggestioni delle diverse espressioni artistiche. 

La nostra associazione si propone di  curare un gran numero di progetti tra cui mostre, workshop, eventi musicali, spettacoli teatrali e convegni, così da diventare un contenitore ideale per raccogliere le diverse istanze del vivace contesto artistico italiano, senza dimenticare i protagonisti internazionali.

Fluo si rivolge agli artisti a più livelli: come un canale di produzione per le proprie esposizioni; come una piattaforma di circolazione di conoscenze e idee; come opportunità per i giovani emergenti che faticano a trovare spazi di visibilità in una prospettiva istituzionale che non dà loro credito.

Già dalla sua recente nascita Fluo events ha mostrato una doppia anima. Se da un lato il suo spazio operativo è l’arte in tutte le sue declinazioni, dall’altro si propone di associare a questa un impegno di rilevanza sociale. Per noi l’arte è uno strumento della collettività capace di veicolare valori e idee. Le nostre iniziative rivolgono un’attenzione particolare ai temi sensibili e alle problematiche che coinvolgono gli strati più a rischio della società. Fluo events si pone in quel punto scomodo della riflessione estetica in cui ci si chiede se il bello possa anche risultare utile. La questione, vecchia come il mondo, riguarda i moderni forse ancor più degli antichi: può l’arte cambiare il mondo?

Interviste agli Artisti

Intervista a Daria Palotti

Intervista a Daria Palotti In occasione dell’opening della personale “Νύξ” 5-26/11/2022 Se tornare all’essenziale è difficile, assai di più lo è farlo sperimentando su vari

Read More »

Intervista a Krayon

Intervista a Krayon in occasione del vernissage di “Artisticalmass” Pedalare in giro per il mondo, alla scoperta di nuove esperienze e forse anche di sé:

Read More »

Intervista a Silvia Fiorenza

INTERVISTA A SILVIA FIORENZA Aristotele riteneva che la partecipazione empatica dello spettatore alle vicende rappresentate a teatro avesse l’effetto di liberarlo da quelle passioni della

Read More »

Intervista a KOI

“Preferisco dipingere gli occhi degli uomini che le cattedrali, perché negli occhi degli uomini c’è qualcosa che non c’è nelle cattedrali”. Per accogliere i visitatori

Read More »

News

GET IN TOUCH

Non esitate a contattarci!